Prossima edizione 29 agosto - 1 settembre 2019

IN PRIMO PIANO

ISCRIVITI ALLE NEWS
SEGUICI SU
SEGUICI SU
IN ITINERE - il nostro blog
ARCHIVIO

CRONACHE DALLA FRONTIERA

 

fotografie di Francesco Enia scattate a Lampedusa

 

 

Francesco Enia

 

Sono nato a Palermo il 9 novembre del 1947.

Sono felicemente sposato (un solo matrimonio). Ho quattro figli: un artista, un informatico, un archi-tetto e un astrofisico.

Ho sempre fatto il medico, lavorando come cardiologo dall’1 agosto del 1973 al 31 luglio del 2013, sempre nello stesso posto, la Divisione di Cardiologia dell’Ospedale “V. Cervello” di Palermo.

Dopo la pensione sono rientrato in ospedale con la macchina fotografica per un progetto, (Arcipe-lago Sanità. Viaggio fotografico), nel quale narro, con immagini e parole, la relazione tra la persona sofferente e la struttura sanitaria pubblica. Un fotografo può rivelare cose nascoste e cristallizzarle. In quel posto ho trovato molte storie da raccontare.

 

 

COSA CI SI PORTA APPRESSO

 

Stiamo andando a porto M, un tentativo di testimonianza di ciò che sta accadendo.

I ragazzi del collettivo Askavusa di Lampedusa negli anni hanno recuperato alcuni oggetti rimasti dentro le imbarcazioni approdate sull’isola […]

“Pare un museo” sussurrò papà. Osservava gli oggetti e immediatamente doveva metterli in pro-spettiva, perché raccontavano senza filtri una parte cruciale della vita di chi aveva affrontato il viaggio. Il modo in cui si parte. Cosa ci si porta appresso. Cosa si ritiene indispensabile. Cosa si elegge a compagno di avventura.

 

(Davide Enia, Appunti per un naufragio)

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER